01/12/2017 Premio Guidarello 2017: ad honorem ad Andrea Riccardi

di Redazione

Premio Guidarello 2017: il riconoscimento ad honorem va ad Andrea Riccardi

Il riconoscimento ad honorem è, ogni anno, tra i più ambiti. E quest’anno, in occasione dell’edizione XLVI del Premio Guidarello, tale riconoscimento sarà consegnato ad Andrea Riccardi: la cerimonia ufficiale si svolgerà il 3 dicembre 2017 al Teatro Alighieri di Ravenna.

Il Premio

Il Premio Guidarello per il giornalismo d’autore è un riconoscimento che viene attribuito ogni anno a personalità che si sono distinte, nelle varie sezioni (Radio/Televisione, Cultura, Società, Studi e Ricerche), nell’ambito del giornalismo italiano. Si tratta, inoltre, di un premio che quest’anno ha deciso di porre al centro il tema dell’impegno sociale e umanitario.

La cerimonia sarà condotta dal noto giornalista e conduttore televisivo Bruno Vespa, che presiederà anche alla giuria nazionale, e presentata da Margherita Ghinassi, giornalista Rai ed ex conduttrice del Tg1. Parteciperanno anche altri importanti nomi del giornalismo italiano, come Guido Gentili, Lorenzo Cremonesi, Alberto Angela e Iona Sermoneta.

Andrea Riccardi

Il vincitore del Premio Guidarello ad honorem di quest’anno, Andrea Riccardi, è stato Professore ordinario di Storia contemporanea all’Università Roma Tre nonché uno dei massimi studiosi italiani della Chiesa in età moderna e contemporanea. Sono molti i suoi scritti che approfondiscono il tema del rapporto e del dialogo tra religioni diverse.

Il suo nome è conosciuto anche come fondatore della Comunità di Sant’Egidio, il cui nucleo primario è nato quando Andrea Riccardi era ancora un liceale. Inoltre, Riccardi è stato, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013, Ministro per la cooperazione internazionale e l’integrazione nel Governo Monti.

Ha avuto un ruolo di primaria importanza nella risoluzione di diversi conflitti e per il raggiungimento della pace in Paesi come Mozambico, Guatemala e Costa d’Avorio. Dal 22 marzo 2015 è presidente della Società Dante Alighieri.

Le motivazioni del premio ad honorem sono contenute nelle parole di Paolo Maggioli, presidente di Confindustria Romagna:

“Andrea Riccardi con il suo impegno personale e professionale ha contribuito alla risoluzione di varie tensioni in molti Stati dimostrando che la promozione del dialogo è strumento di pace fra popoli e religioni. Un riconoscimento non solo alle sue capacità diplomatiche, ma anche al coraggio e alla sua grande attenzione verso i più bisognosi”.

L’attività di giornalista

Andrea Riccardi scrive regolarmente per diversi quotidiani e periodici nazionali. Tra le collaborazioni principali, occorre ricordare: