27/05/2018 Tutto può cambiare. La realtà oltre il sogno

di Redazione

Un articolo di Federica Gieri Samoggia apparso su Avvenire di Bologna

E’ stato presentato giovedì pomeriggio nella suggestiva cornice della Cappella Farnese a Palazzo d’Accursio il libro del fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, «Tutto può cambiare», edito da San Paolo. All’incontro sono intervenuti l’arcivescovo Matteo Zuppi, Ivano Dionigi, Romano Prodi, e Stefano Zamagni. «In quelle pagine – osserva Riccardi – ho voluto cogliere le radici nel passato e guardare in avanti. Il titolo è di Giovanni Paolo II. Era molto vecchio, malandato e disse: “Tutto può cambiare: dipende anche da te”. Ecco credo che non dobbiamo rinunciare a quella leva fondamentale per cambiare il mondo che è cambiare noi stessi e agire personalmente». Con speranza. Un libro che l’Arcivescovo confida di aver letto «con evidente partecipazione» poiché quell’esperienza «mi ha coinvolto e mi coinvolge». Tutto può cambiare, esordisce Zuppi, «è un’affermazione che racchiude già la prospettiva di Riccardi e della Comunità. Tutto: non è un’ambizione personale, un conato di onnipotenza o una specie di slancio utopico». Come poteva esserci in quel 1968 quando la Comunità di Sant’Egidio muoveva i primi passi. «In quegli anni – ricorda l’Arcivescovo – c`è stata un’esplosione di tante esperienze, molte con vita brevissima».

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO >